parco_nazionale_della_regina_elisabetta

Tutto ciò che devi sapere sul Parco nazionale della Regina Elisabetta

Il Parco nazionale della Regina Elisabetta regala una meravigliosa ed eterogenea biodiversità: qui c'è la possibilità di ammirare i famosi Big Five, per un'infinita emozione.

Porta un nome che racconta di un colonialismo inglese non troppo lontano, ed è il parco nazionale più importante dell’Uganda. Il Queen Elizabeth National Park, o Parco nazionale della Regina Elisabetta, copre la superficie occidentale dell’Uganda.

In un crocevia di ecosistemi, il Parco offre la possibilità di godere in un solo luogo dell’aridità della savana e dell’umido delle paludi, della densità delle foreste tropicali e degli immensi prati da pascolo, per non parlare dei grandi laghi e dei profondi crateri vulcanici. La ricchezza paesaggistica si accompagna ad una biodiversità di fauna che permette ai turisti di osservare le più disparate specie animali. 

Parco nazionale della Regina Elisabetta, come vestirsi

Il Parco nazionale della Regina Elisabetta occupa il sud ovest dell’Uganda, a cavallo dell’equatore: è uno dei simboli del Paese ricco e diversificato che è l’Uganda. Fondato nel 1952 porta un nome non casuale, retaggio di un non troppo antico colonialismo britannico dell’area. Grazie alla posizione geografica e alla massiccia presenza di montagne e colline, e ai laghi di origine vulcanica, il Paese gode di un clima piuttosto temperato. Durante le escursioni è quindi ideale vestirsi a strati, utilizzando vestiti leggeri e a maniche lunghe, senza dimenticare cappello, felpa e occhiali da sole. I mesi migliori per visitare il Parco nazionale sono quelli meno piovosi, gennaio e febbraio, giugno e agosto. Immancabili nello zaino mappe, spray antizanzare, fotocamera e binocolo, per non perdersi nemmeno un dettaglio.

Parco nazionale della Regina Elisabetta, le attrazioni da non perdere

Con quasi 2000 km quadrati di estensione, il Parco nazionale della Regina Elisabetta riunisce al suo interno grande diversità di animali e vegetali, con zone dagli spettacoli imperdibili. Se si è deciso di visitare l’Uganda infatti, non si può non dedicare almeno una giornata alle Pianure Ishasha. Situate nella zona meridionale del Parco nazionale, le pianure sono famose per i leoni che dormono sugli alberi, popolazioni di leoni che si arrampicano sugli alberi probabilmente per sfuggire alle fastidiose mosche.

Ciò che contraddistingue una visita al Parco nazionale è l’incredibile varietà di animali che è possibile incontrare: antilopi, elefanti, bufali e ippopotami. Non possono mancare poi i famosi Cobo dell’Uganda, una particolare specie di antilope che è ormai l’animale simbolo del Paese.

E poi ancora: l’area dei laghi di origine vulcanica è habitat di più di 600 specie di uccelli, così da essere il luogo ideale per gli appassionati di birdwatching. Per una visita più accurata possibile del Parco, è possibile essere accompagnati da guide esperte, che possono mostrare le tante specie presenti come pellicani, aironi col dorso verde, cicogne, avvoltoi dorso bianco africani, aquile marziali e molte altre specie. Da non perdere i fenicotteri rosa, che si radunano periodicamente intorno all'acqua e regalano danze meravigliose. 

Il Parco nazionale della Regina Elisabetta si sposa perfettamente con escursioni e safari. Partiamo dalla crociera sul canale Kazinga per osservare gli animali che si radunano per bere, oppure all’escursione all'alba nello spettacolare burrone Kyambura, nella zona settentrionale, per vedere da vicino gli scimpanzé dell'unico gruppo residente. Infine, il safari che nell'area Kesensi, brulicante di leoni.

Vuoi partecipare a un viaggio di gruppo in Uganda? Parti con noi!
 


Leggi anche

quando-andare-in-nepal

Quando andare in Nepal e cosa mettere in valigia

Quando andare in Nepal? Cosa mettere in valigia? Ecco tutti i consigli per un viaggio nel Paese asiatico, tra trekking e spiritualità.

Scopri
dia-de-muertos-citta-del-messico

Visitare il Messico nel Día de Muertos

Visitare il Messico nel Día de Muertos è un'occasione imperdibile, per immergersi nella tradizione autentica del luogo. Assicurati, però, di partire informato.

Scopri
quando andare in namibia

Quando andare in Namibia e cosa mettere in valigia

Quando andare in Namibia e cosa mettere in valigia per il tuo prosismo safari? Organizza con cura il tuo viaggio seguendo i nostri consigli.

Scopri
Tutto ciò che c'è da sapere su Sossusvlei, tra i luoghi più incredibili della Namibia

Tutto ciò che c'è da sapere su Sossusvlei, tra i luoghi più incredibili della Namibia

Il deserto della Namibia è il deserto più antico del mondo e ospita alcune delle dune più alte. In questo articolo scoprirai tutto ciò che devi sapere su Sossusvlei.

Scopri

Pronto a partire?

Islanda: Ring Road

10 giorni
2.190 €
Islanda: Ring Roadd

Brasile Wild

15 giorni
3.990 €
Brasile Wildd

Perù: Machu Picchu Dream

11 giorni
3.090 €
Perù: Machu Picchu Dreamd

Cina zaino in spalla

14 giorni
3.190 €
Cina zaino in spallad

Corea del Sud

12 giorni
2.790 €
Corea del Sudd

Sudafrica on the Road

14 giorni
3.290 €
Sudafrica on the Roadd

Indonesia: Sumatra alla ricerca di oranghi e civiltà perdute

13 giorni
3.090 €
Indonesia: Sumatra alla ricerca di oranghi e civiltà perduted

Giappone Summer: Rail Adventure

14 giorni
3.290 €
Giappone Summer: Rail Adventured
Scopri tutti i viaggi

Iscriviti alla newsletter

Nuove destinazioni, consigli di viaggio ed offerte speciali

Loading...