Come organizzare un viaggio a Petra

Come organizzare un viaggio a Petra e cosa vedere

Tutto ciò che c'è da sapere su come organizzare un viaggio a Petra, dalle stagioni migliori fino all'abbigliamento consigliato e i luoghi must.

Dalle pareti rossastre alte quasi ottanta metri e dai ripidi canyon scoscesi, Petra è la perla della Giordania, dichiarata una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Luogo magico e senza tempo, visitarla concedendole il giusto tempo è doveroso, per non perdersi nemmeno una sfumatura del suo Tesoro. Il Tesoro però non è l’unica architettura scavata nella pietra che Petra offre e proprio perché il sito archeologico risulta particolarmente ricco, è bene organizzare la visita nei minimi dettagli. Dall’ingresso del sito di Petra, si percorrono a piedi circa due chilometri, attraversando la stretta gola chiamata Siq.

Se non si è buoni camminatori, la giornata può prospettarsi molto lunga e stancante, tanto che potrebbe essere meglio dedicare due giorni consecutivi alla visita di Petra, senza fretta. Oltre al Tesoro, infatti, l’antica città dei Nabatei conserva le tombe reali, l’anfiteatro, il tempio dei leoni alati, la cappella blu, il tempio Qart al-Bint e l’imperdibile Al Deir, il Monastero, dalla struttura simile al Tesoro, ma molto più imponente. Per raggiungerlo, è necessario salire 800 gradini sconnessi.

Ecco dunque come organizzare un viaggio a Petra e cosa vedere.

Come organizzare un viaggio a Petra

Come organizzare un viaggio a Petra? Innanzitutto è bene informarsi sulle condizioni climatiche del periodo scelto. L’alta stagione in Giordania è la primavera, a cavallo tra marzo e maggio, e l’inizio dell’autunno, tra ottobre e novembre. Sono i mesi in cui è più probabile trovare un clima mite e gradevole, con qualche pioggia poco intensa.

Al contrario, l’inverno inoltrato potrebbe risultare rigido e richiede di coprirsi in modo adeguato. D’estate il clima è molto caldo e secco: se si soffre di bassa pressione, potrebbe essere bene prevedere soste, coprirsi con un cappello, portare con sé molta acqua.

Per visitare Petra, il luogo ideale dove alloggiare è Wadi Musa, il paese più vicino al sito archeologico, ricco di alberghi e ristoranti. Possono bastare tre notti per poter dedicare almeno due giorni alla visita di Petra in modo approfondito.

Per raggiungere Petra ci si può affidare ad un driver da Amman, da Aqaba o dal deserto del Wadi Rum, per rispettivamente tre ore, due ore e un’ora e mezza di viaggio. Il visto per poter visitare la Giordania si ottiene in aeroporto subito dopo l’arrivo.

L’abbigliamento migliore per poter visitare Petra è certamente quello da trekking: scarpe comode, ben aderenti, pantaloni lunghi anche d’estate che proteggano le gambe da possibili cadute sulle rocce, un cappello per l’ombra e acqua a sufficienza. Il Monastero in particolare è un luogo isolato e lungo la via per raggiungerlo, non si trovano bar o ristoranti. Se si prevede di trovarsi lungo la discesa dal Monastero al Siq al buio, è bene portarsi dietro una torcia, così come se si prevede di visitare Petra di notte. Il sito archeologico non è illuminato se non da qualche candela posta davanti al Tesoro.

Cosa vedere a Petra

Petra è un luogo magico, in cui storia, natura e architettura si fondono in un fascino unico al mondo. Ci sono però alcuni orari della giornata in cui grazie alla luce del Sole, la bellezza del sito risalta ancora di più. All’alba si potrà trovare il Tesoro di Petra direttamente illuminato dal sole e sebbene non sia ottimo per fare foto, lo spettacolo è assicurato. Al tramonto, invece, che d’inverno sarà verso le 16.30 e d’estate verso le 18.30, si troveranno le condizioni migliori per scattare immagini meravigliose.

Se si vuole visitare Petra in modo indimenticabile, il Monastero è da non perdere. È il luogo più magico del sito, sebbene sia meno famoso del Tesoro e sebbene molti rinuncino a raggiungerlo perché lontano. In realtà, per la sua visita si può prevedere circa un’ora di tempo, meglio se nel primo pomeriggio per evitare il buio.

Partendo dall’ingresso, la visita a Petra inizia dalle Case del Djinn, costruite nel I secolo d.C. e ricche di tombe e monumenti funerari. Il sentiero prosegue con la Tomba dell’Obelisco e del Triclinio di Bab as siq, per poi portare allo stretto canyon, il Siq di Petra. È questo il passaggio che porterà al Tesoro del Faraone, Al-Khaznah, il luogo più conosciuto del sito giordano, scavato nell’arenaria rosa e conosciuto anche per la sua comparsa nel film “Indiana Jones e l’ultima crociata”.

Non si può dire completa una visita a Petra, se poi non si prosegue fino al Teatro, alla fontana del Ninfeo, dedicata alle ninfe, alla Strada Colonnata e alla Porta di Traiano. È in questa zona che si trova il Tempio Grande, costruito nel I secolo a.C. e dedicato alle divinità nabatee.Sulla collina opposta si trova il Tempio dei Leoni Alati risalente 27 a.C. ed è da questo sentieri che si raggiunge la Chiesa di Petra, costruita dai bizantini verso il 530 d.C.

Come è evidente, Petra è un sito archeologico ricchissimo, che unisce al suo interno tracce risalenti a diverse civiltà, tra bellezza e fascino. Se è possibile, è bene poi considerare di visitare Petra by night, quando il buio regala uno spettacolo indimenticabile. Il Siq sarà illuminato da quasi 1.500 candele e davanti al Tesoro ci si potrà accomodare su comodi tappetini, per assistere allo spettacolo dei beduini che intoneranno canti tradizionali, per poi concludere la serata con un delizioso tè alla menta. Visitare Petra significa viverla immergendosi completamente nella sua storia e nella sua cultura.

Il nostro viaggio di gruppo in Giordania è l'occasione perfetta per conoscere Petra in ogni suo segreto.


Leggi anche

cosa_fare_in_uganda

Cosa fare in Uganda: le 10 esperienze top

Sita nel punto d’incontro tra la giungla dell’Africa e la savana dell’Africa Orientale, offre al turista un viaggio ricco di scoperte: ecco cosa fare in Uganda per vivere al meglio il Paese.

Scopri
parco_nazionale_della_regina_elisabetta

Tutto ciò che devi sapere sul Parco nazionale della Regina Elisabetta

Il Parco nazionale della Regina Elisabetta regala una meravigliosa ed eterogenea biodiversità: qui c'è la possibilità di ammirare i famosi Big Five, per un'infinita emozione.

Scopri
quando_andare_in_uganda

Quando andare in Uganda e cosa mettere in valigia

L’Uganda è una destinazione irresistibile per chi vuole conoscere il vero spirito dell’Africa. Ecco tutto quello che c’è da sapere per godersi i suoi paesaggi e la sua biodiversità.

Scopri
crociera_sul_kazinga_channel

In crociera sul Kazinga Channel

La crociera sul Kazinga Channel rappresenta una delle attrazioni più importanti presenti nel Parco Nazionale Queen Elizabeth per l’enorme ricchezza faunistica che regala.

Scopri

Pronto a partire?

Giordania: Petra, Deserto & Bubble Experience

8 giorni
€ 1.690
Giordania: Petra, Deserto & Bubble Experienced

Giappone Hanami: la fioritura dei ciliegi

14 giorni
€ 3.490
Giappone Hanami: la fioritura dei ciliegid

Islanda: Grotte di Ghiaccio & Aurora Expedition

8 giorni
€ 1.850
Islanda: Grotte di Ghiaccio & Aurora Expeditiond

Stati Uniti e i grandi parchi

14 giorni
€ 2.890
Stati Uniti e i grandi parchid

Namibia Safari Wild

15 giorni
€ 3.690
Namibia Safari Wildd

Marocco

10 giorni
€ 1.490
Maroccod

Uzbekistan: la Via della Seta

10 giorni
€ 2.090
Uzbekistan: la Via della Setad

India - Il meglio del Nord

13 giorni
€ 2.990
India - Il meglio del Nordd
Scopri tutti i viaggi
Per mostrare questo contenuto devi modificare le
Loading...